Dieta mediterranea e prevenzione

29 mar 2020
Dieta mediterranea e prevenzione

La dieta Mediterranea è un modello alimentare che si caratterizza per la sua varietà, basata sulla valorizzazione di prodotti locali e stagionali, oltre che per uno spiccato equilibrio nutrizionale. Prevede un elevato consumo di verdura, legumi, frutta fresca e secca, olio d’oliva e cereali (per un 50% integrali), un moderato consumo di pesce e prodotti caseari, un ancora più moderato consumo di carne rossa, carne bianca e dolci. Il corretto equilibrio nutrizionale della dieta mediterranea è stato dimostrato scientificamente negli anni Settanta dallo Studio dei sette Paesi di Ancel Keys, che metteva a confronto le diete di diverse popolazioni per verificarne i benefici e i punti critici. Da quell’analisi è emersero per la prima volta le forti correlazioni tra tipologia di dieta e rischio d’insorgenza di malattie croniche, in particolare quelle cardiovascolari. A partire da quel primo studio, molte altre ricerche hanno approfondito l’analisi dell’associazione tra alimentazione e salute, confermando che l’adozione di un regime alimentare di tipo mediterraneo è collegata a un basso tasso di mortalità, una minore incidenza di malattie cardiovascolari, di disfunzioni metaboliche e di certe tipologie di tumori come il tumore della mammella.

La dieta mediterranea e il tumore alla mammella 


Gli alimenti della dieta mediterranea vengono definiti nutraceutici, perchè svolgono un'attività sulla salute paragonabile a quella di un farmaco. Infatti riducono in modo significativo la sindrome metabolica e l’insulino-resistenza ed è protettiva nei confronti di molti tumori, del colon, del tratto digestivo e quelli legati a cause ormonali come il tumore al seno. Il tumore della mammella è ancora oggi il più comune tumore del sesso femminile. L’implicazione degli ormoni sessuali femminili nello sviluppo del tumore al seno è universalmente riconosciuta e per questo motivo il tumore al seno è detto endocrino-correlato.Il più importante fattore di rischio per il carcinoma della mammella è rappresentato dall’età, poiché il rischio di ammalarsi cresce con il passare degli anni ma altri fattori di rischio sono la scarsa attività fisica, l’errata alimentazione e la predisposizione genetica. 

Dieta mediterranea: lo studio MeDiet

Lo Studio MeDiet condotto dalla U.O di Oncologia sperimentale ARNAS Civico di Palermo è uno studio randomizzato di intervento alimentare volto alla prevenzione primaria del tumore al seno che ha permesso di dimostrare tantissime cose nel rapporto fra alimentazione e cancro. L'intervento alimentare è stato condotto su 300 volontarie sane di sesso femminile tra i 48 ei 69 anni suddivise in modo randomizzato in due gruppi: uno di intervento dietetico e uno di controllo lasciato a dieta libera. Le donne del gruppo di intervento hanno aderito per sei mesi al regime alimentare corrispondente alla dieta mediterranea ricca di cereali integrali, legumi, verdure e frutta di stagione ricca di fitoestrogeni, povera di carboidrati raffinati, di grassi animali e di sale.
Gli obiettivi di questo studio sono stati:
Valutazione dell’impatto salutistico della dieta mediterranea , ricca in fitoestrogeni, sui livelli di estrogeni urinari in donne sane in post-menopausa per la prevenzione primaria 
Determinazione del contenuto di fitoestrogeni in campioni di grano duro coltivati in Sicilia e nei loro prodotti di trasformazione
I risultati di questo studio sono stati:
la Dieta Mediterranea, ricca di Fitoestrogeni, basata sul consumo di pane e pasta (soprattutto integrali) costituisce un fattore di prevenzione naturale primaria del tumore al seno in donne sane in post-menopausa attraverso la riduzione dei livelli di estrogeni endogeni. I fitoestrogeni contenuti nei campioni di grano duro siciliano e nei rispettivi derivati risultano essere da 10 a 50 volte più elevati rispetto a quelli relativi al grano tenero. Il processo di lievitazione e le elevate temperature nella panificazione riducono il contenuto di fitoestrogeni nella crosta e nel pane rispetto al contenuto presente nella pasta.


Dott.ssa in Biotecnologie Irene Polizzotto

 

Scopri tutti i nostri prodotti, visita lo shop

Stampa

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x